Un antico molino nelle valli varesine con il nome brianzolo


Guarda le fotoIl 27 aprile 1787 Carlo Rigamonti, originario di Barzago, località della Brianza lecchese, rileva da Pasquale AimettiGuarda le foto di Ganna il molino attivo a CunardoGuarda il video, alimentato da una derivazione del torrente Margorabbia, emissario del Lago di Ghirla. Siamo a pochi chilometri dal confine con la Svizzera, in un'area agricola ricca di pascoli e seminativi posta a cavallo tra Valcuvia, Val Marchirolo, Valganna e Valtravaglia.
La proprietà del molino passa in seguito a Natale Rigamonti, nipote di Carlo. Alla morte di Natale, nel 1903, la proprietà passa ai suoi figli maggiori, Pietro e Francesco, tra i quali si instaura la società di fatto Fratelli Rigamonti. Guarda le fotoNel 1913, in seguito alla morte di Francesco RigamontiGuarda le foto avvenuta l'anno prima, entrano nella società i suoi figli: Luigi ed Ettore . Lo zio Pietro viene nominato tutore dei figli più giovani di Francesco, Riccardo, Alessandro, Giovanni.

Guarda le fotoMaria, unica figlia femmina, non entra in società. L'impresa ha per oggetto l'attività di oleificio, molino, commercio al minuto di olio di semi e granaglie, con depositi in Luino, Lavena Ponte Tresa e Mesenzana. In memoria della sua antica origine il molino viene chiamato "Mulino Barzago", nome con il quale è ancora oggi conosciuto.
Nel 1931 muore Pietro Rigamonti che dal matrimonio con la maestra Ernesta Tonta non ha avuto figli. L'attività prosegue quindi con i nipoti Luigi ed Ettore.
Il molino opera a pieno regime, spesso anche di notte, per la macinatura dei cereali (frumento, granoturco, orzo, avena, segale) Guarda le fotoconferiti dai contadini e proprietari della zona e la relativa produzione di farine e cascami, che trovano impiego nell'alimentazione umana e nella zootecnia.
Accanto a ciò si produce olio di lino, il cui seme arriva dalla Sicilia e che sostituisce l'olio di oliva, all'epoca assente dalle valli prealpine, e ancora olio di mandorle, di noci e di ravizzone.


Continua

Chiudi
Avanti

La ruota idraulica a cassette che aziona il  frantoio per la produzione di olio, oggi in disuso. In alto la storica insegna Oleificio e Molino F.lli Rigamonti. Tale scritta si trova sul retro rispetto alla corte. La collocazione è dovuta al fatto che proprio su quel lato correvano i binari della tramvia elettrica Varese-Ghirla-Luino, inaugurata nel 1903 e dismessa nel 1955. Oggi lungo lo stesso percorso si snoda una pista ciclabile. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d’impresa.
Il Molino Rigamonti. In basso la ruota idraulica a cassette che aziona il frantoio per la produzione di olio, oggi in disuso. In alto la storica insegna Oleificio e Molino F.lli Rigamonti, che si trova sul retro rispetto alla corte perché proprio su quel lato correvano i binari della tramvia elettrica Varese-Ghirla-Luino, inaugurata nel 1903 e dismessa nel 1955. Oggi lungo lo stesso percorso si snoda una pista ciclabile. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d'impresa.

Chiudi
IndietroAvanti

La ruota idraulica da sopra a cassette che, sfruttando l’energia potenziale dell’acqua, aziona il molino. Sulla destra, si notano le paratie che incanalano l’acqua presente nella roggia molinara così da convogliarla sulla parte alta della ruota. L’acqua riempie le cassette nella parte superiore della ruota. La tendenza dell’acqua a cadere per azione della gravità crea una coppia che mette in rotazione la ruota. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d’impresa.
La ruota idraulica a cassette che, sfruttando l'energia potenziale dell'acqua, aziona il molino. Sulla destra, si notano le paratie che incanalano l'acqua presente nella roggia molinara così da convogliarla sulla parte alta della ruota. L'acqua riempie le cassette nella parte superiore della ruota. La tendenza dell'acqua a cadere per azione della gravità crea una coppia che mette in rotazione la ruota. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d'impresa.

Chiudi
IndietroAvanti

La ruota idraulica a cassette che mossa dall’acqua aziona il mulino. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d’impresa.
La ruota idraulica a cassette che mossa dall'acqua aziona il mulino. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d'impresa.

Chiudi
IndietroAvanti

I canali in cui viene incanalata l’acqua della roggia per muovere la ruota idraulica a cassette che aziona il mulino. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d’impresa.
I canali in cui viene incanalata l'acqua della roggia per muovere la ruota idraulica a cassette che aziona il mulino. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d'impresa.

Chiudi
IndietroAvanti

La scritta che appare sul muro del Mulino Rigamonti. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d’impresa.
In primo piano, la ruota idraulica a cassette collegata al frantoio. Si nota il canale che convoglia l'acqua sulla stessa a partire dalla roggia molinara. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d'impresa.

Chiudi
Indietro

La scritta che appare sul muro del Mulino Rigamonti. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d’impresa.
La scritta che appare sul muro del Mulino Rigamonti. 2011, Archivio fotografico Centro per la cultura d'impresa.

Chiudi
Avanti

Istromento redatto per la vendita da parte di Pasquale Aimetti a Carlo Rigamonti del molino e dei terreni relativi. Frontespizio. Ghirla, 25 aprile 1787, Archivio d’impresa.
Istromento redatto per la vendita da parte di Pasquale Aimetti a Carlo Rigamonti del molino e dei terreni relativi. Frontespizio. Ghirla, 25 aprile 1787, Archivio d'impresa.

Chiudi
IndietroAvanti

Istromento redatto per la vendita da parte di Pasquale Aimetti a Carlo Rigamonti del molino e dei terreni relativi. Frontespizio. Ghirla, 25 aprile 1787, Archivio d’impresa.
Istromento redatto per la vendita da parte di Pasquale Aimetti a Carlo Rigamonti del molino e dei terreni relativi. Frontespizio. Ghirla, 25 aprile 1787, Archivio d'impresa.

Chiudi
IndietroAvanti

Estratto dell’istromento del 1787: nota delle piante esistenti nel terreno venduto da Pasquale Aimetti a Carlo Rigamonti. 25 aprile 1787, Archivio d’impresa.
Estratto dell'istromento del 1787: nota delle piante esistenti nel terreno venduto da Pasquale Aimetti a Carlo Rigamonti. 25 aprile 1787, Archivio d'impresa.

Chiudi
Indietro

Estratto dell’istromento del 1787: elenco delle parti che compongono il mulino e il loro valore economico. 25 aprile 1787, Archivio d’impresa.
Estratto dell'istromento del 1787: elenco delle parti che compongono il mulino e il loro valore economico. 25 aprile 1787, Archivio d'impresa.

Chiudi
IndietroAvanti

4

Chiudi
Indietro

5

Chiudi
Avanti

0

Chiudi
IndietroAvanti

1

Chiudi
IndietroAvanti

2

Chiudi
IndietroAvanti

3

Chiudi
IndietroAvanti

4

Chiudi
Indietro

5

Chiudi
Avanti

Insegna Molino Barzago, presente sulla porta di ingresso del piano superiore del mulino. Barzago è il nome con cui è conosciuto il Mulino Rigamonti sul territorio. Archivio d’impresa.
Insegna Molino Barzago, presente sulla porta di ingresso del piano superiore del mulino. Barzago è il nome con cui è conosciuto il Mulino Rigamonti sul territorio. Archivio d'impresa.

Chiudi
Indietro

Fattura dei Fratelli Rigamonti del 1907. In evidenza l’attività di Fabbricatori di olio e panello con negozio in cereali e la segnalazione dei depositi di Luino e Ponte Presa. Archivio d’impresa.
Fattura dei Fratelli Rigamonti del 1907. In evidenza l'attività di Fabbricatori di olio e panello con negozio in cereali e la segnalazione dei depositi di Luino e Ponte Presa. Archivio d'impresa.

Chiudi
IndietroAvanti

2

Chiudi
IndietroAvanti

3

Chiudi
IndietroAvanti

4

Chiudi
Indietro

5

Chiudi
Avanti

Ettore Rigamonti (il secondo da destra) insieme ad alcuni commilitoni. Tra i bambini in piedi si riconoscono da sinistra Maria e Elena. Anni trenta del Novecento, Archivio famiglia Riccardo Rigamonti.
Ettore Rigamonti (il secondo da destra) insieme ad alcuni commilitoni. Tra i bambini in piedi si riconoscono da sinistra sua figlia Maria e Elena, figlia del fratello Luigi. Anni trenta del Novecento, Archivio famiglia Riccardo Rigamonti.

Chiudi
IndietroAvanti

Ettore Rigamonti e la moglie Rita Taglioretti insieme alla figlia Maria. Anni venti, Archivio famiglia Riccardo Rigamonti.
Ettore Rigamonti e la moglie Rita Taglioretti insieme alla figlia Maria. Anni venti, Archivio famiglia Riccardo Rigamonti.

Chiudi
Indietro

Rita Taglioretti nel cortile del Mulino Rigamonti. Anni venti, Archivio famiglia Riccardo Rigamonti.
Rita Taglioretti nel cortile del Mulino Rigamonti. Anni venti, Archivio famiglia Riccardo Rigamonti.

Chiudi
IndietroAvanti

3

Chiudi
Indietro

4

Chiudi
Indietro

5

Chiudi
Avanti

0

Chiudi
IndietroAvanti

1

Chiudi
IndietroAvanti

2

Chiudi
IndietroAvanti

3

Chiudi
IndietroAvanti

4

Chiudi
Indietro

5

Chiudi

Pratica catastale riguardante il prato e il fabbricato rurale del Mulino effettuata alla morte di Francesco Rigamonti avvenuta nel 1912. Archivio famiglia Rigamonti.
Pratica catastale riguardante il prato e il fabbricato rurale del Mulino effettuata alla morte di Francesco Rigamonti avvenuta nel 1912. Archivio famiglia Rigamonti.

Chiudi

Pietro Rigamonti. Archivio famiglia Riccardo Rigamonti.
Pietro Rigamonti. Archivio famiglia Riccardo Rigamonti.

Chiudi

5

Chiudi

5

Share