Depuratore

Nella ditta Giovanni Clerici & figli, è presente un impianto di depurazione che viene controllato e curato giornalmente.

VIDEO prima

Vasche di misurazione PH

Le acque di tutta l’azienda vengono fatte passare attraverso un filtro per trattenere le particelle di materiale solido prima di essere pompate all’interno delle due vasche di accumulo ed ugualizzazione dove avviene una prima naturale di omogenizzazione; ne viene misurato il PH che viene portato ai parametri di legge attraverso l’immissione di CO2.
VIDEO

depuratore1

depuratore3

depuratore2

Vasche di ossidazione

A questo punto le acque, sono pompate nelle vasche di ossidazione, dove avviene la vera e propria azione di depurazione tramite l’azione  di batteri aerobici.
VIDEO vasca1

Vasca circolare

L’acqua, caduta per stramazzo nella vasca circolare, viene controllata prelevando dei campioni per le analisi di laboratorio, per controllarne il BOD ed il COD: se i valori sono a norma, si procede allo scarico in fognatura della parte superficiale, più leggera e depurata, con il successivo conferimento al depuratore consortile di S. Antonio Ticino.
Dal fondo della vasca, invece, viene pompata verso una più piccola vasca di sedimentazione circolare, la parte più pesante, contenente ciò che diventerà fango residuo.

VIDEO

vasca4

vasca6

depurata

Utilizzo della filtropressa

A questo punto vi è l’aggiunta di polieletrolita e di un addensante per favorire la successiva operazione che porta, attraverso una filtropressa da 10 tonnellate, alla formazione di pannelli con una percentuale di secco tra il 65% ed il 70% che vengono accumulati in un container per essere affidati ad aziende specializzate ed autorizzate per lo smaltimento.
VIDEO

depuratore4

depuratore5

rifiuti1

Dati tecnici dell’impianto

Vengono trattati giornalmente circa 850/1000 metri cubi di acqua, con una produzione annua di fanghi tra le 28 e le 35 tonnellate; il consumo di energia elettrica dell’impianto è di circa 500.000/520.000 kwh/anno.