Home · Imprese · Commercio : Velati Srl
velati

Dal bazar delle origini all’avvio dell’attività di ottico

velati_b1-f01Nel 1894 Giovanni Velati, commerciante di Rancio Valcuvia, giunge a Gallarate dove insieme alla moglie Severina Rocchi, pellicciaia e ricamatrice, apre un negozio nella piazza Vittorio Emanuele (oggi piazza della Libertà) per la vendita di articoli vari: occhiali, binocoli, bambole, pellicce, cappelli, fuochi d’artificio, armi e così via. Un vero e proprio bazar.

Nei primi anni venti, Gaetano Velati, figlio di Giovanni, inizia a lavorare, dopo la scuola di avviamento professionale, nel negozio paterno, mentre i fratelli e le sorelle prendono strade diverse.

Un decreto regio del 1928 istituisce l’abilitazione professionale per l’esercizio della professione di ottico, considerata come “arte ausiliaria” della professione sanitaria e sino a quel momento svolta nella totale assenza di regole. Gaetano consegue la licenza in una scuola specializzata e diventa così il primo ottico “patentato”  di Gallarate, iniziando a vendere gli occhiali fatti su misura e non solo quelli già predisposti.

Nel 1932, alla morte del padre, Gaetano Velati assume la conduzione dell’impresa, affiancato dalla moglie Luigia Rigamonti. Dal loro matrimonio nascono Giovanni, Enrica e Giuliangelo (chiamato Giulio).

Il negozio si trasferisce quindi in uno stabile di via Mazzini, attuale sede dell’impresa, dove, al piano superiore, viene ricavato l’appartamento di famiglia.

In questi anni l’impresa esercita il commercio di generi di ottica, armi, fotografie e pellicceria.

Durante il fascismo Gaetano Velati ricopre la carica di segretario del Pnf di Gallarate, una compromissione che, data la reputazione di rettitudine di cui gode l’uomo, non avrà conseguenze negative alla caduta del regime.

Nel dopoguerra inizia, all’interno del negozio, la vendita di dischi musicali, affidata poi a Giovanni ed Enrica, figli maggiori di Gaetano.

Lo sviluppo del comparto ottico per gli occhiali da vista

velati_b2-f03aCon il boom economico e lo sviluppo dei consumi degli anni cinquanta e sessanta cresce anche la domanda di occhiali da vista, un bene salutista la cui importanza era sino ad allora sottovalutata. Il negozio Velati, cogliendo le nuove tendenze, perde progressivamente le iniziali caratteristiche di emporio, per affermarsi sempre più come negozio di ottica.

Nel reparto occhiali si combinano due attività diverse seguite direttamente da Gaetano: una di tipo professionale, relativa alla misurazione, tramite il retinoscopio, della miopia e presbiopia; l’altra di tipo artigianale, consistente nel taglio, effettuato con la mola, delle lenti semilavorate provenienti dal Cadore, cui segue il montaggio degli occhiali .

Luigia Rigamonti, donna forte e precisa, di formazione contabile, si occupa della parte commerciale e amministrativa, come continuerà a fare nel corso di tutta la sua lunga esistenza, svolgendo un ruolo fondamentale nella vita dell’impresa .

Nel 1961 la sede del negozio è interessata da una prima ristrutturazione.

Ne seguiranno diverse altre per rispondere alle ricorrenti esigenze di nuovi e più funzionali spazi, che nascono dalla crescita e professionalizzazione dell’attività di ottico. Nei primi anni sessanta cessa la vendita di dischi musicali seguita da Giovanni ed Enrica Velati, che spinti da altri interessi si disimpegnano dall’azienda, pur continuando a seguirne l’attività. Della varietà merceologica delle origini sono rimasti soltanto gli articoli pesca e le armi, cui si affianca il settore di apparecchi fotografici.

A differenza dei suoi due fratelli Giulio Velati sceglie di impegnarsi nell’impresa di famiglia. Nel 1964, dopo il diploma di maturità e sospinto dal padre, consegue l’abilitazione di ottico.

Nel 1968 muore Gaetano Velati e l’impresa, ereditata dai tre figli, passa sotto la guida di Giulio, che coinvolge nell’attività la sua futura moglie, Daniela Baila, con la quale si sposa nel 1970 e che da allora contribuisce con grande competenza e attenzione , a sviluppare l’attività attraverso la gestione della sua componente commerciale. Per rispetto della memoria del padre cacciatore, si continua la vendita delle armi, che viene però trasferita in un negozio di piazza Risorgimento e gestita, insieme ad altri due soci, da una società commerciale appositamente costituita.

Dall’ottica all’optometria

velati_b3-f01All’inizio degli anni settanta si diffonde l’uso delle lenti a contatto morbide, progettate oltre dieci anni prima da due ricercatori cecoslovacchi, Lim e Wichterle, e prodotte, a partire dal 1971, dalla multinazionale americana Bausch&Lomb. Il successo riscontrato dalle nuove lenti da vista contribuisce ad espandere ulteriormente il settore ottico dell’impresa.

Nel 1975 Giulio Velati si diploma in optometria presso l’Istituto superiore di scienze optometriche “Giuseppe Ricco” di Milano, imprimendo così all’attività della sua impresa una svolta tecnica e professionale destinata a contrassegnarne profondamente tutta l’evoluzione successiva. L’ottico optometrista   esegue un’analisi complessa delle deficienze della vista, prescrive e fornisce il miglior sistema correttivo e se rileva l’eventuale esistenza di altri problemi non somministra farmaci ma indirizza l’utente verso i medici specialistici appropriati, svolgendo quindi anche una importante funzione di prevenzione sociale.

Nel 1977 l’armeria Velati subisce una rapina da parte di un commando di brigatisti capitanato da Corrado Alunni; in conseguenza di ciò, ed essendo quel business di interesse secondario, la società viene venduta.

Tra il 1978 e il 1982 Giulio Velati ricopre la carica di presidente dell’Assopto provinciale di Varese, che fa parte della rete nazionale di Federottica, la più importante associazione di categoria italiana del settore ottico e optometrico, presso la quale viene istituto l’Albo degli ottici optometristi per la formazione e l’aggiornamento dei professionisti del settore. È l’inizio di un lungo e ininterrotto impegno associativo, che tuttora prosegue.

Nel 1985 l’impresa Velati assume la forma giuridica di società in accomandita semplice. In questi anni l’industria italiana dell’occhialeria trova nuovo slancio attraverso la produzione delle montature e di occhiali da sole firmati dai più noti stilisti e designer, che arricchiscono l’assortimento dell’ottica Velati. Nella primavera del 1990 il negozio si trasferisce provvisoriamente in via Verdi per consentire i lavori di ristrutturazione dello storico e prestigioso stabile di via Mazzini, dove rientra nel settembre dello stesso anno.

La terza generazione e gli sviluppi recenti

velati_b4-f01Nel rinnovato e più ampio negozio sono in funzione apparecchiature tecnologicamente avanzate e lavorano optometristi qualificati, tra i quali lo stesso Giulio Velati. Al di là dell’area espositiva e di libero servizio, il negozio viene caratterizzandosi come un vero e proprio centro ottico articolato   su una serie di spazi dedicati alle problematiche della vista e alle relative cure compensative: dalle diverse tipologie di lenti a contatto, al visual training, all’ipovisione. La dimensione professionale s’intreccia costantemente a quella della vendita e comunicazione, per soddisfare al meglio le richieste di una clientela sempre più esigente e fidelizzata.

Nel 1996 il figlio primogenito di Giulio Velati, Renzo, nato nel 1972, entra nella società di famiglia assumendo la qualifica di socio accomandante. Ha seguito lo stesso percorso formativo del padre: scuola ottica e successiva specializzazione in optometria, che più tardi completa con il corso di laurea in ottica e optometria dell’Università statale di Milano Bicocca, presso il quale oggi insegna.

Renzo si occupa in particolare del settore del visual training, ossia del miglioramento della vista tramite una speciale ginnastica oculare. Nel 2003 anche la secondogenita di Giulio Velati, Laura, nata nel 1974, con una laurea in scienze politiche e un master in relazioni pubbliche, entra a far parte della società per occuparsi soprattutto della comunicazione aziendale e degli aspetti organizzativi. Nell’anno successivo l’Ottica Velati si trasforma in srl. Un’attenzione crescente è rivolta ai nuovi disturbi visivi connessi alla diffusione dei computer e uno spazio specifico viene dedicato ai bambini.

Nel 2009 muore, a quasi 102 anni, Luigia Rigamonti, madre di Giulio, che sino a tarda età ha svolto una presenza attiva nel negozio, continuando ad abitare l’appartamento sovrastante.

Nel 2010 con l’inizio dei lavori della nuova ristrutturazione del negozio, l’Ottica Velati, un’impresa che non ha mai conosciuto crisi e dove tra familiari e dipendenti lavorano nove persone, si dota di un “manuale aziendale”, concepito come uno strumento per il miglioramento professionale continuo di tutti i collaboratori.

Un’attenzione costante è inoltre riservata alla qualità dei materiali, che continua ad essere garantita, come nel passato e per una considerevole parte, dai fornitori cadorini .

Nel 2011 l’impresa Velati è stata inserita nel Registro delle imprese storiche istituito da Unioncamere per valorizzare le aziende ultracentenarie presenti in tutta Italia.

Giulio Velati, che ha ricoperto diversi incarichi scientifici e di rappresentanza, ha negli ultimi anni ridotto il suo impegno aziendale diretto ma non quello associativo, essendo dal 2003 presidente della Federottica. Innovazione tecnologica, qualità del servizio e crescita professionale costituiscono oggi le armi vincenti degli ottici optometristi indipendenti per contrastare la competizione delle grandi catene commerciali  , nonché certi abusi connessi alla distribuzione dequalificata degli occhiali standardizzati.

Nonostante l’elevata spendibilità sul mercato del lavoro e la diffusione dei corsi di laurea, la professione di optometrista attende ancora, in Italia, di essere riconosciuta e regolata come libera professione sanitaria, contrariamente a quando accade negli Stati Uniti sin dal lontano 1910.

Dati anagrafici

velati_logo

Denominazione sociale: Velati srl

Forma giuridica: società a responsabilità limitata

Attività principale: ottica e optometria

Settore: commercio

Indirizzo: via G. Mazzini 24 21013 Gallarate (Va)

Tel 0331-793537

Fax 0331-773435

E-Mail velati@velati.it

Sito Web http://www.velati.it

Genealogie

I segni dell'impresa

Fonti

Segnalazioni

Nome*

Email*

Oggetto

Messaggio

© Camera di Commercio di Varese, 2014 - Privacy Policy - Cookies Policy - Credits